Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Ulteriori informazioni

Unioncamere del Veneto


 
Percorso: Homepage / News / Scheda News

CS | Il manifatturiero Veneto ai tempi di Covid-19

6 giugno 2020 |  Il presidente Mario Pozza: "Ferita profonda per il nostro sistema economico. La situazione è drammatica”
Immagine notizia

Venezia, 5 giugno 2020 – Si è tenuto questa mattina il webinar organizzato da Unioncamere del Veneto e l’Osservatorio economico e sociale di Treviso e Belluno per illustrare gli effetti dell’emergenza Covid-19 sul manifatturiero veneto e le ripercussioni su imprese, business e occupazione. All’incontro aperto dal presidente, Mario Pozza, hanno partecipato: Antonella Trevisanato dell’Area Studi e Ricerche di Unioncamere del Veneto, Federico Callegari dell’Osservatorio Economico e Sociale Treviso e Belluno, Maurizio Rasera dell’Osservatorio regionale Mercato del lavoro - Veneto Lavoro, Monica Plechero e Giancarlo Corò dell’Università Ca’ Foscari Venezia e David Moro, Presidente Ordine dei Commercialisti di Treviso. Le conclusioni sono state affidate a Tiziano Barone, Direttore Veneto Lavoro.

Al webinar sono stati illustrati i dati dell’indagine VenetoCongiuntura che indicano come nel primo trimestre 2020 la produzione industriale abbia registrato un crollo del -7,6% sull’analogo periodo dell’anno precedente. L’indicatore in questi ultimi anni aveva evidenziato un graduale indebolimento (+1,3% in media d’anno 2019, +3,2% nel 2018), ma la pandemia di Covid-19 ha avuto un violento impatto per il comparto manifatturiero regionale.

Il webinar è stato l’occasione per fare il punto sull’occupazione con i dati illustrati da Veneto Lavoro. L'effetto della pandemia ha comportato, su base annua (variazione tra il 31 maggio 2020 e il 31 maggio 2019) una riduzione pari a circa -41.000 posizioni di lavoro dipendente, bruciando dunque anche la crescita tendenziale ancora in essere all’inizio della pandemia e pari a circa +20.000 posti di lavoro. Ciò è conseguenza di una dinamica congiunturale radicalmente segnata dall’emergenza sanitaria: infatti tra il 23 febbraio e il 31 maggio 2020 la variazione dei posti di lavoro è stata negativa, pari a –26.000 unità, mentre nel medesimo periodo del 2019 la variazione era stata positiva e pari a +35.000 posti di lavoro, con quindi un differenziale negativo, tra i due periodi, pari a circa -61.000 posti di lavoro (un valore complessivo che si colloca attorno al 3% dell’occupazione dipendente). Il segnale positivo è che dal 4 al 31 maggio si è dispiegata una significativa tendenza alla progressiva riduzione del differenziale nel numero di assunzioni tra 2019 e 2020: -34% (meno -21% dal 18 alla fine del mese) mentre tra il 23 febbraio ed il 3 maggio la variazione negativa era stata quasi doppia (-61%). Tale differenziale si riduce ancor più significativamente per diversi settori e in alcuni casi (costruzioni, tessile abbigliamento, servizi turistici) si registrano anche incrementi volti al recupero delle posizioni perdute. Il saldo occupazionale è tornato in maggio ad essere positivo, a poca distanza da quello del 2019 (+1.437 contro +3.537): ciò ha significato, su base annua, praticamente l’arresto della fase di contrazione dei posti di lavoro.

Nel corso della webinar è stato, inoltre, effettuato un approfondimento effettuato dal team di Ca’ Foscari, anche attraverso l’analisi congiunta di dati Uniocamere Veneto e Veneto Lavoro, che mira a mettere in evidenza il legame fra l’evoluzione tecnologica 4.0 delle imprese della manifattura veneta nell’ultimo decennio, la qualità del capitale umano aziendale e le prime evidenze di resilienza sviluppata dalle imprese, anche in relazione agli importanti effetti del Covid sulle performance economiche. I risultati dell’indagine e le nostre riflessioni sottolineano come siano le imprese a maggiore intensità tecnologica dotate di risorse umane con maggiori conoscenze scientifiche e tecniche a mostrare più flessibilità e alcuni primi segnali di recupero, anche se ancora deboli. La traiettoria intrapresa da queste imprese risulta inoltre essere generalmente più virtuosa in termini di sfruttamento delle nuove opportunità strategiche che potrebbero nascere nella fase post Covid, soprattutto rispetto alle imprese che finora hanno investito in un numero limitato di tecnologie di base.

Il video del webinar è disponibile sul canale Youtube di Unioncamere Veneto:

 
L'indirizzo diretto del video è:

 

COMUNICATO STAMPA

SLIDE UNIONCAMERE VENETO

SLIDE VENETO LAVORO

SLIDE UNIVERSITÀ CA ' FOSCARI

__________________________

Per informazioni: Area Studi e Ricerche Unioncamere del Veneto Ufficio SISTAN
Tel. +39 041 0999311 | centrostudi@ven.camcom.it | twitter@Venetocong