Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Ulteriori informazioni

Unioncamere del Veneto


 
Percorso: Homepage / Area stampa / Il Veneto nelle nuove rotte economiche globali
14/02/2020
Il Veneto nelle nuove rotte economiche globali
file pdf
testo
comunicato

CONVEGNO «IL VENETO NELLE NUOVE ROTTE ECONOMICHE GLOBALI.
PORTO DI VENEZIA E AUTOSTRADA A27»
Venerdì 14 febbraio, ore 14.30, Hotel NH Laguna Palace | Viale Ancona 2, Mestre

 

Venezia, 12 febbraio 2020 | Un passaggio diretto, un valico, tra il Veneto e l’Austria che colleghi l’Autostrada A27 (che oggi si ferma poco dopo Belluno) con la rete autostradale che percorre l’Europa Centro Orientale. L’idea non è nuova, anzi c’è un progetto vecchio di trent’anni che però è rimasto nei cassetti a seguito di numerosi veti.
Ora questa idea torna di grande attualità, anche a seguito della fame di infrastrutture connettive che caratterizza l’economia regionale, cresciuta grazie all’export e al turismo, settori dove le comunicazioni sono strategiche per la competitività.

Su queste considerazioni si sviluppa il convegno «Il Veneto nelle nuove rotte economiche globali. Porto di Venezia e autostrada A27», organizzato da Cisl Veneto e Unioncamere del Veneto, in programma per venerdì 14 febbraio 2020 all’Hotel NH Laguna Palace di Mestre (Viale Ancona 2).
I lavori saranno introdotti dal Segretario generale della Cisl Veneto, Gianfranco Refosco, e dal Presidente di Unioncamere del Veneto, Mario Pozza.
Interverranno Iolanda Conte di Uniontrasporti, che illustrerà il sistema infrastrutturale del Nordest; il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale Pino Musolino, che parlerà del Porto di Venezia; il rappresentante del Veneto in EUSALP – mobilità Giovanni Campeol, che tratterà del valico alpino con l’Austria; il deputato al Parlamento austriaco Christian Ragger, che descriverà le politiche infrastrutturali della Carinzia.

Seguirà la tavola rotonda «Una porta a nord per il Veneto» con la partecipazione dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Elisa De Berti; l’assessore del Comune di Venezia allo Sviluppo economico del territorio – Infrastrutture, Simone Venturini; il sindaco di Treviso, Mario Conte; il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin.
Concluderà i lavori il segretario della Cisl Nazionale Andrea Cuccello.

«Il problema dello sbocco del Veneto verso il nord – precisa il Presidente di Unioncamere del Veneto e Camera di Commercio di Treviso–Belluno|Dolomiti  Mario Pozza – è una problematica che da tempo stiamo affrontando attraverso lo studio e l'analisi dei dati del traffico, flussi di merci, scelte politiche. Il prolungamento dell’A27 è un'infrastruttura fondamentale non solo per il territorio montano bellunese per i flussi turistici abituali e in vista dei grandi eventi Cortina 2021 e Milano-Cortina 2026, ma anche per tutto l'asse infrastrutturale del Veneto, come Treviso–Padova. Il Veneto è la terza regione d'Italia per export e per assurdo sta subendo periodicamente dei limiti al transito delle merci dal Brennero. Forse non è ben chiaro, ma è un danno per tutto l'export italiano. Riteniamo quindi fondamentale portare all'attenzione delle forze politiche, dell'opinione pubblica, grazie anche agli organi di stampa, l'importanza strategica della realizzazione del prolungamento dell’A27».

«Vogliamo riaprire il confronto ed il dibattito sulla infrastrutturazione strategica del Veneto come strumento per il suo sviluppo economico – sottolinea Gianfranco Refosco, Segretario generale della Cisl Veneto –. Il convegno focalizza i temi della connessione con l'Oriente, e quindi il ruolo del Porto di Venezia, e con l'Europa, in particolare con le sue regioni centro- orientali. Da qui l'attenzione sul progetto di collegare direttamente la nostra regione all'Austria prolungando l'A27 fino alla Carinzia e con gli snodi autostradali che percorrono l'Europa Centrale ed Orientale».